martedì 1 maggio 2018

Un lungo week end in Norvegia

Non ci ringiovanisce di sicuro dire che ritorniamo a Bergen quasi 28 anni dopo.... ragazzini in inter rail allora, in giro per l'Europa, meno ragazzini oggi, ma con gli stessi occhi curiosi.
Tempo così così all'atterraggio ma siamo fiduciosi, le previsioni vanno al di là delle migliori aspettative, in questi mesi di vita svedese abbiamo capito che la primavera, il sole, i primi raggi che ti riscaldano la pelle, sono un bel regalo e nulla di veramente acquisito.
Carinissimo appartamento nella zona centrale con vista spettacolare, dieci piacevolissimi minuti a piedi per arrivare al vecchio quartiere dei mercanti di Bryggen, con le sue case di legno colorate, facciate che sembrano cascarti addosso. Il nostro primo pomeriggio è una riscoperta della città, che ci sembra più grande, più densa, più trafficata... è possibile che lo sia veramente!

Passeggiamo tra il bel quartiere dove siamo noi e la città vecchia, su di noi appassionati di mare i porti hanno sempre un certo fascino... osserviamo le barche, subito aria di vacanza.
Saliamo nella parte più alta sopra la città vecchia, camminando tra alberi protetti da copertine colorate e curiose. Da su la vista è uno spettacolo.





Per cena abbiamo prenotato in un ottimo ristorante, dalle mie ricerche ritenuto uno dei migliori di Norvegia, Enjørninghen Fiskerestaurant (http://www.enhjorningen.no/)effettivamente è buono. All'interno di una delle vecchissime case di fronte al porto, parquet scricchiolante e in discesa, muri di legno, decorazione d'altri tempi. Piatti di pesce, ottimo il Baccalao, curioso e buonissimo dessert di formaggio locale lavorato tipo caramello... avevamo prenotato da Stoccolma via email.
Alle 10 passate il cielo è ancora chiaro... incominciamo ad abituarci alle lunghe giornate nordiche!
Domenica prendiamo la macchina con un itinerario ben preciso che da Bergen ci porta lungo i fiordi su fino a Flåm passando da Voss e Stalheim dove se l'hotel fosse stato aperto avremmo goduto di una vista sensazionale... invece abbiamo imparato che nelle domeniche di fine aprile meglio non dare per scontato nulla, neanche il fatto di trovare a Bergen città un bar aperto per fare colazione in modo decente. Tant'è che abbiamo potuto solo immaginare la splendida vista. Abbiamo percorso E39 e E16 in un susseguirsi di paesaggi mozzafiato, resi ancora più belli dal sole splendente che ci ha regalato riflessi stupendi di montagne ancore innevate che si affacciano sull'acqua. In certi punti il ghiaccio ricopre ancore il mare con un velo sottile, suggestivo.
A Flåm non c'è molta scelta per il pranzo, il ristorante dell'hotel, che pare molto buono, è aperto solo la sera, alla fine mangiamo una cosetta, nulla di speciale. Passeggiamo lungo il fiordo, paesaggi suggestivi.
La sera cena in un ristorantino carino in centro a Bergen, Pingvinen, cucina norvegese casalinga gustosa, ristorante semplice e senza pretese, ma buono e non eccessivamente caro (standard norvegese)http://www.pingvinen.no/
Lunedì mattina la città sembra rianimata, negozi e caffè aperti, gruppi compatti di turisti. Il tempo è straordinario, prendiamo la funicolare per godere dall'alto di un panorama mozzafiato sulla città e i fiordi circostanti ...
Scendiamo a piedi per tre piacevolissimi chilometri di passeggiata, c'è anche chi la fa in salita, di corsa, spingendo passeggini. All'arrivo in basso ringraziamo di essere partiti non troppo tardi questa mattina, la coda adesso per salire con la funicolare è veramente lunga. Passeggiamo lungo il porto e ci sediamo per il pranzo al mercato del pesce, indicato dalla guida, ma abbastanza deludente. All'interno banchi e ristorantini, sicuramente siamo cascati male. Servizio pessimo, piatti così così...
Alle due abbiamo prenotato il giro in battello da Bergen fino a Mostraumen con https://rodne.no/fjordcruise/
Giro splendido che in realtà arriva fino a Mo, ben oltre Mostraumen, villaggetto in fondo al fiordo, di 200 anime, collegato con la strada a Bergen solo dalla fine degli anni 70.... prima ci volevano 12 ore per andare in città!
Tre ore in tutto di paesaggi mozzafiato che culminano con l'arrivo della barca sotto una suggestiva cascata dalla quale l'equipaggio recupera con un secchio freschissima e purissima acqua da distribuire ai passeggeri.

Questa è una delle poche crociere prenotabili a fine aprile, molta più scelta da maggio in poi, quando le temperature più clementi rendono sicuramente questo tipo di attività più attraenti!

Ritorno al porto sempre con uno splendido sole, i colori del mare e del cielo esaltano quelli delle case, lo spettacolo è incredibile.
Cena al Colonialen Litterarhuset  ottimo ristorante, decorazione moderna e essenziale, piatti curati e ben presentati, servizio cortese e attento.
Dopo tre giorni baciati dal sole, la pioggia ci ha svegliati per il primo maggio, il piano B è d'obbligo per arrivare fino alla partenza...i musei potevano essere una valida alternativa, ma oggi è festa e sono chiusi. Come tutto del resto in città. Per fortuna la pioggerella è leggera, decidiamo di ripartire un po' alla scoperta dei dintorni di Bergen, in macchina andiamo verso Sotra, un susseguirsi di scorci da togliere il fiato, insenature con casette rosse che si affacciano nel mare, natura splendida, isolotti qua e là.
Ovviamente non proviamo neanche a cercare un posticino per pranzare, in giro non c'è anima viva. Rientriamo verso Bergen all ora di pranzo e passeggiando ricapitiamo per caso di fronte al ristorante di due sere fa, mangiamo bene, polpette in stile svedese, formaggi locali, agnello.
È arrivato il momento di rientrare verso l aeroporto, tra fare il pieno e riconsegnare la macchina, meglio sempre essere un po' in anticipo sui tempi.
Come tutti gli aeroporti scandinavi anche questo è piacevole e pulito.
Ci aspetta un volo per Oslo e un successivo per Stoccolma, oggi niente volo diretto come invece abbiamo avuto sabato, ma va bene lo stesso.
Abbiamo passato un bel week end lungo, un ponte del primo maggio che non festeggiavamo da anni, in Usa, si lavora e si va a scuola, labor day è a settembre e sempre di lunedì... niente ponti!
Considerazioni generali
Norwegian come sempre si è rivelata un ottima scelta di compagnia aerea, personale cortese e aerei puntuali e nuovissimi.
La Norvegia è splendida, i norvegesi gentili ma, come dire, con meno classe degli svedesi.
La vita è carissima anche per chi arriva come noi dalla non super economica Svezia.
La qualità del cibo è alta, proprio come in Svezia la cucina è moderna e curata, con una certa ricercatezza nelle presentazioni.
La cucina tradizionale è semplice ma gustosa.
Il nostro appartamento preso su airbnb era veramente carino, con una vista spettacolare, come sempre la scelta di un appartamento agevola la vita famigliare, colazione a casa più piacevole, per il resto pranzi e cene sempre in giro.

Nessun commento: