giovedì 24 maggio 2018

21 anni...

21 anni fa c’era il sole a Torino, proprio come oggi a Stoccolma.
21 anni fa avevo due certezze, la prima che da lì a qualche mese sarei diventata mamma, la seconda che Parigi sarebbe stata la mia città.
21 anni fa era un giorno speciale, ma avevo paura, avevo paura del dopo, avevo paura di essere troppo lontana da casa, avevo paura di trovarmi da sola con un bebè da gestire, avevo paura di una città che fin li avevo conosciuto solo da turista, avevo paura della nostalgia che mi avrebbe assalita la sera...

21 anni fa la mia vita cambiava.
21anni fa mi sono svegliata, mi sono lasciata guidare in mille preparativi, tutti sorridevano intorno a me.
21 anni fa ho indossato un vestito color crema, ho preso in mano un bouquet di rose e sono uscita di casa.
21 anni fa i nostri amici erano lì ad aspettarmi, mi hanno abbracciata. Paolo era lì ad aspettarmi, l’aria sorridente ed emozionata anche lui.
21 anni fa sono entrata in una piccola sala di un piccolo consiglio comunale dn un piccolo comune a due passi da Torino. Un posto che aveva un senso profondo per noi, il posto delle feste, del cazzeggio dei nostri vent’anni, delle serate a vino e birra, delle osterie cantate stonate, del rifare il mondo come tutti i giovani adulti con passione e entusiasmo.
21 anni fa avevamo tutti intorno. Le nostre famiglie, i nostri amici, erano lì per festeggiare e per salutarci.
21anni fa indossavo scarpe strettissime, chissà perché le spose hanno scarpe che torturano i piedi, e  con quelle scarpe muovevo i miei primiera vacillanti passi verso una nuova vita.
21 anni fa c’era una grande festa in un bellissimo giardino, una torta di frutta, un dj che mixava musiche, una banda di giovani adulti con il futuro davanti e la voglia di saltarci dentro.
21 ani fa cercavo di immaginare quell’esserino fragile che cresceva dentro di me, ne sognavo i contorni...
21 anni fa faceva caldo, Torino era splendente illuminata dal sole.
21 anni fa dicevo si, un si che racchiudeva tutti quelli futuri, un si che voleva dire molto di più di okay, va bene ti sposo, invecchierò al tuo fianco e saremo felici. Un si che di colpo era un si alla vita, alle sue mille sfumature, alle tante avventure che ci saremmo trovati davanti.
21 anni fa non immaginavo, non vedevo oltre Parigi, il nostro appartamentino sotto i tetti, non vedevo il resto, Tokyo, Chennai, Sant Germain, San Francisco, Stoccolma. Non vedevo le mille scelte da fare quelle che ti tolgono il sonno, i salti nel vuoto incrociando le dita e il sollievo che si prova quando il paracadute si apre..
21 anni fa non vedevo le mie figlie. Sapevo che ci sarebbero state, una era già lì concreta, senza un sesso preciso e senza un nome, le altre erano un sogno, il sogno della nostra famiglia.
21 anni fa avevo 27 anni, mille sogni, tante energie, qualche incertezza e un po’ di paura...
21anni dopo mi volto indietro e vedo una vita che ho costruito con tenacia e un amore che è diventato grande e forte da darci le ali per costruire tutto quello che abbiamo fatto fino ad ora, per spostarci con il sorriso da una parte all’altra del mondo, per guardare insieme le nostre figlie quasi adulte.
Ho detto SI 21 anni fa e ne sono veramente felice!

Nessun commento: