giovedì 26 ottobre 2017

Sport in lingua senza sotto titoli!

Da quando sono arrivata a Stoccolma ho avuto la fortuna di incontrare un sacco di ragazze (beh insomma ragazze come me...diversamente ragazze, meno ragazze nel corpo ma ancora molto nello spirito) sportive come me e rapidamente sono stata integrata in diversi gruppi dal pilates alla ginnastica nel parco, dal badminton alla camminata (che vita grama....).
Tutte queste attività sono in inglese, organizzate intorno alla scuola internazionale, quindi di facile comprensione.

Mi sono però iscirtta anche alla palestra davanti a casa, che in realtà fa parte di una catena di palestre in tutta Stoccolma, e noi abbiamo accesso a tutte le palestre della città... ovviamente averla dall´altra parte della strada aiuta non poco a motivarsi quando fuori fa buio (ormai dalle 5 del pomeriggio in poi e sarà sempre peggio, e soprattutto ci sono 4 gradi). L´idea è non cedere alla pigrizia invernale quando le giornate saranno cortissime e poter andare in palestra facilmente senza avere troppa strada da fare. Tantissime le classi proposte, dal pilates al tutto addominaliintuttelesalse....
Ieri avevo un´ora buca e ho prenotato di conseguenza la lezione di body balance. Ovviamente sono andata un po´ alla cieca, il sito della palestra è tutto in svedese stretto e non ho proprio capito le sfumature della classe.
Nelle lezioni varie precedenti avevo sempre avuto il tempo di presentarmi all´insegnante dicendogli che se mi vedeva persa con occhio sbarrato era soltanto un problema linguistico e di non preoccuparsi. Uno degli insegnanti è stato gentilissimo e ha fatto per me la traduzione in inlgese di ogni spiegazione di esercizio... non chiedevo tanto e ne sono stata contenta.
Comunque torniamo alla lezione di ieri, ero un po´ in ritardo, sono entrata, ho preso il tappeto, visto che tutti l´avevano e mi sono installata. Non ho parlato con l´insegnate per dirle, guarda, scusa io di svedese capisco tre cose in croce, abbi pietà di me! La classe si è rivelata essere una classe di yoga molto dinamico. In generale lo yoga non è la mia attività preferita, ma tutto sommato per i primi 50 minuti sono stata felicemente sorpresa... e poi si sono spente le luci, la musica si è fatta soffusa, l´insegnate ha acceso una candela e tutti sono caduti in catalessi sui loro tappettini. Per 10 minuti lei ci ha sussurrato dolci parole, o almeno suonavano tali (per quanto dolce possa suonare lo svedese) in svedese ... chissà cosa ci raccontava di bello. Io mi sono contorta sul tappeto, socchiudendo un occhio alla volta per cercare di capire se non ci fosse un qualche movimento da fare o un tipo di respirazione particolare ... per 10 lunghi minuti ero lì sdraiata su un tappeto da yoga nel tentativo di captare una delle 100 parole che conosco, uno dei verbi che ho ripetuto, ma nulla il vuoto....
La morale della storia: se non parli la lingua il corso di yoga con rilassamento finale forse te lo perdi... oppure ideona, visto che ad inizio corso di svedese l´insegnante mi ha chiesto se avevo dei bisogni specifici, tipo svedese per il settore legale o medico, posso dirle che ne ho bisogno per il settore ginnico-sportivo, vediamo cosa ne esce 😁😁😁



Nessun commento: