lunedì 30 gennaio 2017

Immobiliare in Silicon Valley: affittare. Parte 2

Se nel post precedente ho parlato del delirio dell´acquisto di una casa, adesso è il momento di parlare dell´affitto, che sotto tanti punti di vista è altrettanto delirante.
Affittare casa non è semplicissimo. La cosa più complicata per chi arriva da lontano è la scelta della zona in cui vivere, ma questo vale un po'ovunque nel mondo, con la grossa differenza che qui a volte i prezzi cambiano in modo impressionante nel raggio di 10 chilometri, anche meno. A volte il semplice fatto di abitare da una parte all´altra della via, fa lievitare o diminuire i prezzi dell´affitto.
La variabile più importante che fa lievitare (o diminuire) gli affitti sono sicuramente le scuole. Zona con ottime scuole equivale a zona con afftti alti che potenzialmente aumenteranno ancora, il tutto è un circolo vizioso: più le scuole sono buone più le case prendono valore, più vengono affittate a prezzi elevatissimi, più le scuole aumentano il loro livello, la zona richiama famiglie sempre più benestanti con un livello socioculturale alto, le sole che possono pagare certi affitti salatissimi (o permettersi case costosissime), a questo si aggiunge che una percentuale delle tasse sulla casa , estremamente elevate qui, vanno al distretto scolastico: facendo due più due più le case sono care più il distretto ha soldi, più gli insegnanti saranno ben pagati ( e di conseguenza le scuole potranno attirare insegnanti molto più competenti, pagandoli meglio saranno invogliati a venire, oltre al fatto che insegnare in scuole così è indubbiamente stimolante anche per un insegnante).
Quindi se si arriva qui cercando per prima cosa una buona scuola si sa già che gli affitti saranno nettamente più alti: nel prezzo della casa si paga tutto il circondario.
Altra variabile è la distanza dai mezzi di trasporti pubblici: se a Parigi abitare vicino ad una fermata della metropolitana fa aumentare il valore dell´appartamento, qui è tutto il contrario, più ci si allontana da treni e compagnia più si paga.
La grande incognita di chi arriva è decidere quali sono le variabili più importanti e agire di conseguenza nella ricerca dle proprio nido.
Per noi ad esempio la scuola era fondamentale, volevamo un buon liceo ed è per questo che abbiamo scelto Los Altos che ha uno dei migliori distretti scolastici della zona (scuole buone su tutti i livelli dalle elementari in poi). Se si arriva con dei bambini piccolissimi che per forza di cose dovranno andare in nidi e materne private (scuola pubblica qui inizia a 5 anni) sicuramente la variabile scuola non sarà da prendere in considerazione prediligendo magari le dimensioni di casa e giardino.
Si può anche decidere di investire meno nell´affitto e bypassare il sistema scolastico pubblico per mettere i bambini nel privato (alla fine quello che si risparmia nella casa lo si mette nella scuola), per me ad esempio questa soluzione è meno interessante, infatti i bambini si troveranno ad avere relazioni solo con compagni che non vivono nella stessa zona, perdendo il lato piacevole dela vita di quartiere, con i bambini che tornano a casa insieme da scuola e che si tritorvano al mattino sulla strada di scuola.
San+Francisco+Most+Expensive+Rental.png (900×485)qui ci si può fare un´idea del delirio dilagante per una stanza in affitto.

Aldi là dei prezzi che periodicamente ci illudono di ritornare alla normalità, un´altra cosa che assolutamente spiazza sono gli aumenti che possono esserci nel passaggio da un contratto all´altro. Qui solitamente i contratti sono di un anno rinnovabili poi mese per mese, raramente sono più lunghi ma è possibile (noi ne abbiamo avuto uno di tre anni , ma abbiamo anche dei proprietari che prediligono una casa tenuta bene al guadagnarci soldi a palate). Spesso alla fine del contratto ci si ritorva con la sgradevole sorpresa di aumenti  sproporzionati... ma non essendoci regole, assolutamente legali. Una casa può allegramente passare da 7 a 9000$ tra il 30 giugno e il primo luglio... all´inquilino di accettare o no. A volte ci si ritrova impreparati a dover traslocare nel giro di poco, in un mercato appunto dove le case a prezzi decenti e belle sono rare.
bi_graphics_zip-codes-charts_2.png (1200×915)
nei primi 10 ben tre cittadine di Silicon Valley(qui per la vendita ma i prezzi riflettono poi gli affitti)
Perché uno dei grossi problemi di queste case in affitto (come anche dicevo per quelle in vendita) è che spesso non valgono per nulla il prezzo richiesto. Bruttine e mal tenute, anche perché quando i propietari scelgono di cambiare inquilino ad ogni contratto, cosa ovvia quando gli aumenti sono così importanti, la casa si deteriora indubbiamente più in fretta che se ci fosse sempre e solo la stessa famiglia a prendersene cura.
In modo pratico cosa si deve guardare quando si cerca casa:
così di getto direi il proprietario...
A parte questo una volta stilate le esigenze della propria famiglia e anche localizzata la zona in cui si lavorerà, da tener in conto assolutamente perché il traffico in bay area sta peggiorando e le ore di punta diventano veramente faticose, si deve capire quali sono le priorità:
zona con buone scuole
zona vicino al treno se si vuole usarlo per andare a lavorare evitando il traffico mostruoso di 101 e 280
zona vicino al centro
zona più isolata.
Non abbiamo tutti le stesse esigenza. Una famiglia cercherà cose diverse rispetto ad una coppia.
Ecco io fossi arrivat qui in coppia senza ombra di dubbio avrei optato per San Francisco, un po'più di vita notturna e la vita da città che tanto mi piace. Arrivando qui con tre figli tra elementari e inizi liceo, le esigenze erano altre, appunto in cima a tutte la scuola e poi il fatto di non dover passare troppo tempo in macchina per Paolo per andare a lavorare. Di Los Altos mi sono innamorata non dico a prima vista ma abbastanza rapidamente. Ha un downtown piacevolissimo, con qualche boutique e ristorantini carini (certo sono due vie) ma a Palo Alto non è che il centro sia tanto più grande ed è nettamente meno piacevole ( a mio gusto).
Il resto è tutto molto residenziale, ordinato e curato, come Palo Alto. Ci sono le colline con case immense, ma molte veramente fuori mano, io con degli adolescenti non riuscirei a viverci....troppo legati alla macchina, che già qui diventa una specie di protesi ma abitando nelle hills ancora di più.
Menlo Park ha anche, a mio gusto una via centrale simpatica e qualche zona residenziale gradevole che sfocia nella chicchissima Atterton, con le sue case smisurate e zero negozi di prossimità!
Mountain View (famosa per essere la sede di Google) ha una bella via centrale piena di negozi e il grosso neo di avere globalmente scuole meno buone, soprattutto a livelli di elementari e medie
Qui  ci si può fare un idea delle scuole nel caso fossero l´elemento prioritario per la scelta della casa.
Altro elemento da prendere in considerazione è il tpo di popolazione del quartiere in cui si andrà ad abitare, tipo quartiere a forte dominanza asiatica, il che rima con scuole con livello di stress a livelli altissimi , e nelle quali forse un bambino europeo farà più fativa ad integrarsi.
Globalmente, che sia qui che altrove scegliere la casa è una delle faccende più delicate quando ci si sposta spesso da un Paese all´altro, e lo è poprio perché la casa sarà il nostro primo rifugio in un mondo tutto da scoprire. Dobbiamo sceglierla con attenzione e renderla il più piacevole possibile, per sentirci bene al suo interno e per prenderla come punto di partenza per scoprire con ottimismo quello che sta fuori!




Nessun commento: