giovedì 1 settembre 2016

Se rinasco faccio college counselor!

Forse quando anche numero tre sarà partita per vivere la sua vita nel mondo dei grandi in un super college americano, io avrò le conoscenze e i trucchi per riciclarmi in un nuovo lavoro, il college counselor!
Muoversi nei meandri delle applications ai college è una sfida non solo per noi stranieri ma per gli americani stessi, in tanti infatti mi hanno detto ¨ ma guarda che anche per noi è complicatissimo, rispetto ai nostri tempi tutto è cambiato....¨ e se per loro è complicato per chi come me che come scoglio complesso per andare all´università ha fatto la coda alla segreteria di Via Po (quella dell´Università degli studi di Torino), con fotocopia del diploma di maturità nella mano sinistra e attestato di pagamento delle tasse universitarie nella destra, beh il processo equivale a scalare un otto mila senza scarpe!!
Uno pensa dopo il primo figlio di aver capito tutto, ma non fa i conti con il fatto che il figlio numero due non vuole fare la stessa cosa di numero uno e quindi magari cambia l´approccio, gli esami richiesti (SAT subject di cui parlavo qui), la stessa lista dei college....
Ah com´era più semplice per noi la scelta, che lista e lista???, da quando sono bambina ho sempre saputo che dopo il liceo l´Università sarebbe stata quella di Torino, mica bisogno di premerci le meningi, studiare statistiche, fare confronti, visitare posti a 5000 chilometri per capire se il contesto socio-culturale-urbanistico ci sarebbe convenuto.
Così entra in campo il college counselor, la professione più gettonata della Silcon Valley, sarà anche che qui dopo il top delle High School, tutti vogliono il Top dei college e visto che tutti non ci possono entrare(nei college cercano sempre di avere le stesse percentuali di studenti da ogni Stato e area geografica), beh che la guerra abbia inizio e per combatterla il generale che guiderà la battaglia sarà il college counselor, quello che conosce trucchi e scorciatoie, che ha la frase giusta da inserire nel buco giusto e che ti alleggerisce di qualche migliaio di dollari (che poi cosa sono rispetto a quello che tireremo fuori nei successivi 4 anni....??).
Il college counselor conosce i college, li studia, li analizza, in un colpo d´occhio vede il profilo del nostro studente preferito e sa subito quale sarà il mix and match vincente (o quasi perchè poi il processo delle ammission ha comunque una parte di passaggi che ci sfuggono...). Quello sul quale si concentra è tirar fuori il meglio da quel che vede sulla carta, fondamentalemente è uno specialista di marketing che lavora sul prodotto futuro studente universitario, mettendo in luce le chiavi giuste per la campagna pubblicitaria che conquisterà, si spera, l´occhio del selezionatore. Pare passino 5 minuti, non di più sui dossier, ovvio che se non si usano le parole chiave che attirano l´attenzione, non si hanno molte chance....
Lista dei college in una mano e profilo dello studente dall´altra questo stratega delle ammissioni cercherà la combinazione migliore, mettendo molte speranze nella tasca dei genitori (svuotata nello stesso tempo dalle sue salate fatture).
Tutto questo è necessario? si e no.... forse con molto più stress e impegno studenti e genitori potrebbero cavarsela discretamente, ma come abbiamo visto con Federica certi passi devono essere fatti con attenzione e se si è poco avvezzi al sistema si rischia di inciampare e di sbattere il naso. Qui nella nostra simpatica Valle di stress e corsa sfrenata verso il successo, forse si perchè i profili dei ragazzi sono tutti molto simili, tutti high profile, chi più ne ha più ne metta e se si vuole che quello del nostro adorato pargolo si distingua dal mucchio di brillantisuperdotaticonmilleattivitàextrascolasticheesempreilsorrisosullelabraesuperpopolari, beh meglio mettersi nelle mani di un professionista!
Questa è l´America un po´consumistica, giochiamo al gioco perchè abbiamo deciso venendo qui di trascinarci dietro le nostre ragazze e trascinandole le abbiamo immerse in questo mondo che richiede di giocarne il gioco per non perdersi per strada.... diamo loro gli strumenti per uscirne come meritano e se il prezzo da pagare è quello del college counselor... ben venga... ma vi giuro tra qualche anno mi converto anch´io!!

Nessun commento: