mercoledì 25 maggio 2016

6 semplici motivi per cui vorrei essere un liceale in America

Tempo di fine anno scolastico, tempo di riflessione....
i miei anni liceali sono ormai tanto, troppo lontani, un po´ avvolti nella nebbia, ricchi di bei ricordi e di amici stupendi che ho la fortuna di avere ancora, nonostante la distanza e il tempo che passa...
Gli anni del liceo belli e spensierati....
tornerei volentieri indietro ma lo farei  qui in America per poter toccare con mano questo mondo liceale così diverso dal nostro!
6 motivi in ordine sparso per cui vorrei avere 17 anni qui adesso:

PROM: il ballo con la B maisucola, di quelli belli e grandiosi, di fronte al quale le feste dei 18 anni di torinese memoria impallidiscono. PROM non è solo l´evento dell´anno per i liceali dell´ultimo anno ( o anche degli altri dipende dalle scuole, noi quest´anno abbiamo avuto Junior Prom, organizzata e sponsorizzata da un gruppetto di famiglie della scuola), è anche un modo per chiudere un ciclo con un evento che sarà indimenticabil e al quale ci si è preparati per settimane: scelta dei vestiti(per le ragazze), scelta dell´eventuale partner accompagnatore (proposta fatta dai ragazzi nei modi più vari e divertenti), acconciatura, trucco, emozioni molteplici!

La scelta delle materie: ce n´è per tutti e per tutte le capacità, se si è appassionati di qualcosa, matematica, chimica, storia, si ha pane per i proprio denti, se no niente stress, inutile mettersi dei challenge troppo pesanti... ognuno al suo ritmo. ( io avrei eliminato la filosofia di sicuro... o avrei fatto il corso più basic!)[ si deve comunque avere un vcerto numero di corsi obbligatori all´interno di diverse aree oltre al fatto che per entrare in certi college richiedono corsi di un certo tipo]


Lo Sport: tanto, bene inquadrato, con spirito di squadra. Strutture da sogno almeno per chi come noi viene da un sistema scolastico dopve ci si accontenta di due ore di educazione fisica a settimana! Lo sport come parte del curriculum studentesco, fantastico: mi avessero dato tutto ciò  15 anni avrei faticato a canalzzarmi in una sola attività.

 La disponibilità dei professori: dalle 7 del mattino alle 7 di sera ci sono. Il mondo scuola non è separato dal resto, i professori non sono irragiungibili, hanno una disponibilità incredibile e spesso un entusiasmo nell´insegnare che io non avevo mai visto, o forse non sono stata così fortunata nel mio percorso di studi. Qui l´insegnamento è una vocazione, altrimenti come mai ci si ritrova un insegnante che si è infilato nell´ordine studi a Stanford e poi ad Harvard ed è felice di insegnare ad adolescenti umorali. al posto di starsene tranquillo e profumatamente pagato altrove?

Graduation: perchè come per Prom si sottolinea un passaggio, la fine di un ciclo e lo si fa in gran pompa e in modo emozionante. Loro sono grandiosi in queste cerimonie ad ogni livello e ci guardano un po´ perplessi quando racconti che tu per festeggiare la fine del liceo hai fatto la solita pizza con i compagni...e neanche tutta la classe!


Le classi ¨divertenti¨: giornalismo, yearbook, musica, arte, fotografia.... perché a 14/15/16 anni si impara anche divertendosi, e in queste classi si crea uno spirito speciale, una vera squadra e si respira in modo diverso affrontando il resto delle materie sulla scia dell´entusiasmo che deriva da questo tipo di classi. (importnatissime tra l´altro perché dimostrano come uno studente non sia un secchione ma sappia anche andare oltre il semplice percorso accademico]

cosa ne pensate? vi piacerebbe ?

5 commenti:

Annalisa Guarelli ha detto...

Ho sempre invidiato i ragazzi americani per questo! Anche per l'annuario con le foto e i sogni per il futuro. E' qualcosa che qui in Italia manca completamente. Manca proprio l'attitudine...e stendiamo un pietoso velo sull'entusiasmo degli insegnanti.
Annalisa (madre di una ventenne delusa dal liceo e adesso dall'accademia di belle arti...)

Giulietta Saconney ha detto...

Annalisa hai ragione!! l'entusiasmo dei professori fa molto....
spero che tua figlia trovi pane per i suoi denti e si circondi di entusiasmo in una scuola come l'accademia che dovrebbe trasmetterne molto!

Mocaliana Ele ha detto...

Sembra bellissimo!
Ho sempre sentito dire che in America si studia però in modo più nozionistico, con tanti tests a crocette; concordi?
In effetti la poca passione della maggior parte degli insegnanti è il grosso difetto della scuola italiana. Sono pagati bene gli insegnanti in usa? (Perchè anche quello mi sa che fa la sua parte)

Mocaliana Ele ha detto...

Ho letto ora l'altro post sugli esami, che nei distretti ricchi gli insegnanti sono pagati meglio; ma rispetto a qui? Si può fare un paragone? Come un impiegato medio?

Giulietta Saconney ha detto...

sono pagati bene, direi almeno tre volte tanto un insegnante in Italia.... ci sono laureati di Harvard che scelgono di insegnare, il che vuol dire che sono veramente motivati!!