lunedì 21 marzo 2016

Fra veri amici e semplici conoscenti: come scoprirlo rapidamente....

Qualche hanno fa, quando vivevamo ancora in Giappone, ho avuto un incidente in bicicletta, ne uscì abbastanza mal concia, con la schiena malandata e il divieto assoluto di muovermi per qualche giorno. Non fu semplice allora con tre bambine piccole e un marito fuori dal mattino presto alla sera tardi. In quel momento mi accorsi di quanto creare una rete di amicizie e conoscenze sia importante nella buona e nella cattiva sorte, non solo quindi per passare simpatiche serate e momenti ludici ricreativi indimenticabili, o semplicemente avere qualcuno con cui condividere un caffè e mescolarlo con i propri pensieri, ma anche per un puro e semplice sostegno logistico. Essere soli dall'altra parte del mondo può essere dura, quando si è malati, lo è ancora di più. Allora mi resi conto di come ero fortunata, la rete di amicizie si è stretta intorno a noi e non mi sono neanche resa conto dei giorni che passavano senza poter fare le stesse cose di prima.
Oggi come allora la stessa considerazione, tante le offerte di aiuto, non soltanto per le 4 chiacchiere che fanno sempre piacere, ma di un vero aiuto logistico, e questo nonostante ormai abbia ragazze grandi ed autonome, che tutto sommato potrebbero dare una mano.
real-friends.png (900×600)
Oggi come allora mi rendo conto di come il "momento del bisogno" metta in luce la vera natura delle persone, di come ce ne siano anche assolutamente incapaci di una semplice messaggio, che sono poi le stesse che da te invece si aspettano sempre la luna....Non è grave perché alla fine è il modo per fare il menage tra chi ci sta intorno, o meglio il modo di fare la differenza tra i conoscenti e i veri amici.
È un po come quando si parte in espatrio, se la destinazione è super bella, tutti saranno pronti a venirci a trovare, se invece la destinazione è così così, solo i veri amici faranno il viaggio per il puro piacere di stare con noi!
Comunque mi reputo fortunata, mi sono arrampicata sui muri agli inizi per ricreare dei veri rapporti, ho messo tante energie nell'incontrare gente, e raccolgo i frutti ora che ho bisogno anche solo di una semplice mano tesa.... E per quei pochi che hanno rivelato la loro vera natura.... neanche tanto sorpresa, della serie molto spesso le sensazioni sono quella giuste!

2 commenti:

Linda D'Alessandro ha detto...

Concordo....parola per parola! Buon recupero!!

Sempre Mamma ha detto...

La malattia, la sofferenza, il disagio, mettono in difficoltà molte persone. Reagiscono in modo negativo, allontanandosi dalla persona che ha bisogno in quel momento.
Si capiscono le persone così, si inquadrano.