martedì 21 luglio 2015

Bye Europa!

Il tempo passa in fretta, questo non è un mistero. Il tempo è volato in questa prima parte d'estate 2015. Il nostro giretto annuale in Europa è filato via veloce, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, e ci ritroviamo già sul volo di ritorno, Parigi alle spalle, San Francisco davanti a noi.
L'abbiamo come sempre attesa la nostra vacanza Europea, l'abbiamo organizzata, pensata, immaginata. Ci siamo pregustati con largo anticipo incontri e abbracci, abbiamo programmato cose, atteso eventi, preparato le papille alle cose buone che avremmo mangiato... Adesso tutto è ricordo, bello e intenso ma ricordo.
Piazza Vittorio
Siamo stati accolti dallo sciopero dei tassisti parigini che bloccavano tutto, abbiamo proseguito toccando quasi dal vivo la crisi della Grecia, che vista in terra europea fa un altro effetto. Siamo ripartite con lo sciopero degli allevatori francesi che protestavano bloccando il periferique, non di Parigi per fortuna questa volta, altrimenti all'aeroporto non ci saremmo arrivate.
Eravamo come se fosse ieri a San Francisco con la solita eccitazione che precede ogni partenza, l'arrivo a Parigi, con il pensiero a tutto quello che avremmo fatto, alle persone che avremmo abbracciato. Adesso siamo in volo contente di tornare a casa, di abbracciare Paolo e Macchi, di ritornare alla nostra vita che è lì e non più in Europa.
serata a Varigotti
È stato un concatenarsi di cose belle, di momenti piacevoli con le persone che amiamo, Parigi, Saint Germain en Laye, Vernon, Torino, Chambery. Due settimane a rilassarci al mare in una Liguria che ho riscoperto dopo tanti anni, la possibilità di abbracciare tante persone, la consapevolezza che il tempo è tiranno e non si riesce mai ad averne per tutti.
La mamma-nonna con le ragazze e Thomas
Candeline
La buona volontà è tanta ma diventa spesso complicato ritagliarsi dei momenti con tutte le persone che abbiamo voglia di vedere, duro rendersi conto che se si perde l'occasione, si dovrà aspettare un altro anno prima di poterlo fare. Purtroppo è questa la vita d'expat e dopo 18 anni all'estero ho imparato a non farmi illusioni, non si riesce mai a fare tutto e non si potrà mai approfittare di tutti, accettarlo è difficile, con il tempo ci si abitua....non avendo il dono dell'ubiquità si impara in fretta a rimandare all'anno successivo, meglio vedere bene qualcuno che male tutti..
.




Siamo in volo adesso, felici a ripercorrere con il pensiero giorno dopo giorno della nostra vacanza tra Francia e Italia: le lunghe serate a chiacchierare con Sonia e Vincenzo, la festa della musica con Sophie, Jean Luc e i ragazzi, le chiacchiere con Elise, Christelle, Annalisa, Alessandra, Cristina, Anna, Paolo. La festa a sorpresa a Torino per il compleanno della mamma, l'eccitazione nelle mie ragazze, lo stupore nei suoi occhi di fronte ad una sorpresa che non avrebbe mai immaginato, Erika, Gil, Guido,Francesca, tutti gli altri che ci sono sempre e con i quali è sempre tutto come se non fossimo mai partiti (la fortuna di avervi come amici e' incredibile).

Le belle chiacchierate con mia cugina in riva al mare, al bar, nell'acqua, come quando eravamo bambine nonostante gli anni e le distanze.
Mia sorella, con la quale il tempo è sempre troppo poco per raccontarsi tutto, ma importante per ridare la carica per altri lunghi mesi lontane.
Carlotta e Camilla
Le ragazze che crescono ed ogni anno vivono le nostre vacanze in modo diverso.
Il nostro pic nic di foie gras e la nostra serata in Borgogna prima di prender l'aereo del ritorno, ormai un nuovo rito.

lac du Bourget
Voliamo a casa con negli occhi mille immagini e in bocca ancora il sapore di tante cose buone che ci mancano quotidianamente e delle quali approfittiamo pienamente il tempo di qualche settimana
Voliamo a casa consapevoli che la nostra vita è altrove, che in Europa abbiamo un pezzo di cuore, ma che la nostra casa è in questa parte di mondo.
 Voliamo a casa felici perché siamo fortunate ad avere così tante persone alle quali vogliamo bene che non ci fanno pesare le nostre scelte e che sanno esserci vicini nonostante i chilometri.
Voliamo a casa con le batterie cariche, necessarie per affrontare un nuovo anno intenso.
L'estate non è ancora finita davanti a noi ancora un po' di esotica vacanza in famiglia questa volta e poi tanti amici attesi nelle prossime settimane, sempre bello che vengano a noi per vivere un po' del nostro mondo!

2 commenti:

Claudia Arici ha detto...

Mi sembra che questa sia stata una vacanza più che positiva!

NonPuòEssereVero ha detto...

Che bello!
E concordo con te: meglio "vedere bene" qualcuno che male tutti ;)