mercoledì 10 giugno 2015

di aeroporti e riflessioni

Non è la prima volta che scrivo di aeroporti, di voli e di pensieri che mi vengono in mente in volo da una parte all'altra del globo!
Mi piacc
iono gli aeroporto, non amo volare ma mi piace l'eccitazione da pre partenza e adoro la gioia di un arrivo da qualche parte.
Tra lunedi e martedì ho imbarcato prima mia figlia poi mia mamma. Due partenze, due viaggi, due giri in aeroporto ad osservare la gente, l'emozione sui loro visi, la gioia del ritrovarsi, la tristezza del partire.
La stessa che conosciamo noi, ogni volta, ad ogni viaggio nostro e degli altri.
Federica in partenza
Ho visto la gioia sul viso della mia diciassettenne in partenza per il suo primo vero viaggio da sola, quello che segna il suo passaggio all'età adulta.
Ho visto l'agitazione sul viso sorridente della mia mamma, grande nonna viaggiatrice, che prima di ogni viaggio è agitatissima e dopo ti dice ridendo: "una schiocchezza questo volo¨
Ho visto gente partire, famiglie che visibilmente incominciavano una vacanza, gruppi di turisti sulla via del ritorno a casa, professionisti che corrono verso qualche riunione e qualche business.
Ho visto gente arrivare, accolta da palloncini festosi di benvenuto e da sorrisi calorosi.
Ho visto persone guardarsi intorno un po' sperse, forse non abituate a trovarsi li in mezzo al caos degli arrivi e delle partenze.
Si vedono sorrisi e lacrime negli aeroporti, si vedono emozioni forti sui visi, si vedono gesti e si indovinano pensieri.
Mi piace chiedermi dove la gente va o da dove viene. Mi piace indovinarne le vite e il perchè del ritrovarsi lì.
Scandiamo la nostra vita con arrivi e partenze, nostre e degli altri. Non si ha tanta scelta quando si vive lontani, partenze e arrivi diventano parte delle nostre vite, ne scandiscono il ritmo. Siamo fortunati perchè possiamo farlo e perchè in tanti negli anni, in questi 18 anni, sono venuti a trovarci.
Ogni volta ci regaliamo le stesse emozioni, lo stesso miscuglio di gioia e dolore che accompagna ogni volo.
Ogni volta ci guardiamo intorno  e scrutiamo quel mondo di viaggiatori come noi, gente da incrociare il tempo di uno scalo, di un check in, di un volo...
Ogni volta rinnoviamo sentimenti e riviviamo sensazioni...
Ogni volta ci sentiamo fortunati ad abbracciare chi arriva e a dire ciao a chi parte, a salutare chi resta e ad avere la fortuna di accorciare le distanze il tempo di una vacanza!

1 commento:

Mamme nel Deserto ha detto...

Non vedo l'ora di riprendere un aereo, mi mancano un sacco tutte le emozioni legate alla partenza.
Che bello che la tua diciassettenne va in viaggio da sola!