martedì 11 novembre 2014

Servizi di quartiere a disposizione di tutti!

C'è una cosa che mi entusiasma qui in America, la possibilità di utilizzare liberamente e senza costi gli spazi e strutture delle scuole, ovviamente al di fuori degli orari delle lezioni.
È possibile andare a giocare a tennis, basket, pallavolo e chi più ne ha più ne metta nelle bellissime strutture che i nostri giovani studenti utilizzano in settimana nelle ore di ginnastica e per le diverse attività sportive.
Ovviamente conosco bene le strutture del liceo della mia zona e quelle della scuola media di mia figlia più piccola, ma avendo seguito un po' le ragazze nelle varie attività extra scolastiche, ho notato che più o meno tutti gli spazi si equivalgono, assolutamente incredibili per noi italiani!
I campus sono immensi, proprio come nei telefilm!

Il fatto che nel fine settimana si possa usufruirne liberamente è poi ancora più sorprendente. Fondamentalmente le scuole ricevono molto dagli abitanti del quartiere in cui sono situate, e questo è un modo per restituire loro qualcosa! Qui i soldi che lo Stato dalle scuole sono legati alle alte tasse di proprietà ( dove abitiamo noi sono al limite dell'indecenza, ma il risultato e che le scuole hanno mezzi impensabili e imparagonabili con quelli di alte zone degli Stati Uniti). A questo poi si aggiungono i soldi delle donazioni, più una scuola è in un'area agiata più avrà soldi da investire nelle proprie strutture, più la scuola avrà la possibilità di offrire servizi di alto livello, più il quartiere intorno si valuterà, perché dipendente da una super scuola, più la scuola avrà ancora più soldi, in un circolo vizioso incredibile....
Ovviamente non ci lamentiamo, e usufruiamo al massimo di tutte queste belle strutture ( oltreché della qualità dell'insegnamento!)
Quello che è sorprendente è come questo libero accesso a tutto non porti per nulla al deterioramento delle strutture, tutto è ordinato e perfetto, nessuno dimentica neppure la bottiglietta d'acqua a bordo campo, il lunedì mattina è come se nel week end nessuno avesse messo i piedi a scuola, ci avesse improvvisato una partita di calcio o avesse insegnato ai bambini ad andare in bicicletta ai propri bambini, e anche gli amici a quattro zampe pur essendo passati di li ed essendosi allegramente sgranchiti le gambe, non hanno disseminato segni del loro giocare allegro ...
Che dire,è indubbiamente il segno evidente di un paese civile nel quale i cittadini ne rispettano le strutture, le usano senza deteriorarle, consci dell'importanza di mantenere gli spazi funzionanti e
puliti per tutti.
Un bel risultato di educazione del cittadino, mi chiedo ovviamente se sia una caratteristica della Silicon Valley o se anche altrove negli States il senso civico sia un qualcosa di ben integrato.... Se così fosse forse noi europei avremmo bisogno di qualche lezione di ripasso!


2 commenti:

Drusilla Galelli ha detto...

Che dire, wow!!!
Imparagonabile il senso di civiltà e il rispetto della cosa pubblica degli americani.
Quanto mi piace leggerti e scoprire ogni volta un pezzettino di quell'America che io vedo e conosco solo attraverso la tv.
Grazie!

manuella ha detto...

..è davvero bello poter avere a disposizione certi servizi per i figli..in italia ormai bisogna portare pure la carta igienica a scuola..e sicuramente si può dire che ci sia civiltà in quel che descrivi..anche se una volta usciti dai quartieri ricchi quello che i ragazzi hanno a disposizione non è niente di tutto ciò. Purtroppo questo tipo di realtà (bel quartire, belle scuole, per cui belle case, care!) porta ad avere differenze nella qualità dell'istruzione in base a dove uno nasce..