venerdì 21 novembre 2014

Passeggiando...

Uno dei grossi problemi della vita americana, fuori dalla grandi città, è sicuramente il fatto che si sta spesso seduti a guidare e si cammina pochissimo. Ci si abitua in fretta a fare tutto in macchina, le cattive abitudini si installano rapidissimamente.
Quanto è bello invece poter camminare, ho adorato i miei anni giapponesi è il mio continuo andare in giro o a piedi o in bicicletta, impari ad osservare, a soffermarti su particolari che stando dietro un volante ti sfuggono, e meno male, altrimenti sbatteresti contro il primo palo.
Ormai da dopo l'estate ho adottato tutto un'altro ritmo, la macchina la uso solo in casi estremi, quando le distanze diventano importanti o devo portare in giro le ragazze. Sono fortunata perché il mio trio di adolescenti è abbastanza indipendente, almeno per andare e tornare da scuola, così io ho il tempo di far le cose a mio ritmo.... Cioè camminando.
E così adesso giro per il mio quartiere e non solo,  faccio belle passeggiate anche per andare a fare la spesa, con il mio carretto del quale vado molto. 
E camminando osservo e da un po' mi è presa la fissa dell'osservare le buche delle lettere. Non so se sia una prerogativa di questa zona, ma la varietà di buche è spiazzante. Qui il postino deposita la posta senza scendere dalla sua macchina con guida a destra, e le buche sono tutte posizionate lungo la strada e alla destra rispetto al senso di marcia, in modo tale che il postino infili le cose senza metter piede a terra, cosa che fa solo se deve farti firmare o lasciare un pacco troppo grande per entrare nella buca ( qui i pacchi te li lasciano davanti alla porta e non ci sono rischi che le cose spariscano)
Le case sulla sinistra della via non hanno quindi buca di fronte, ma dall'altra parte della strada.
All'inizio non capivo perché la mia vicina di fronte venisse sempre a frugare nella buca di fianco alla mia, poi dopo attenta osservazione ho capito, che era la sua!
questa e' la nostra misera e semplice....
 
Comunque  ognuno ha la sua buca, e qui scatta la fantasia. Ci sono quelli come noi che hanno la buca di base, nera con la sbarretta laterale rossa ( quella che si solleva se mettiamo nella buca posta da spedire, in modo che il postino sappia che prima di lasciarci la posta , quella che c'è nella buca è in partenza), e poi ci sono gli altri.
Ci sono buche di gruppo
per due

per sei


per tre
Buche moderne

Buche di foggia antica
 
Buche figli dei fiori

 
 
 
 
Buche orrende
 
 
Buche di montagna
questa fa chalet tirolese

questa fienile
Buche con il tetto



Buche CANINE!!
questa si commenta da sola
Buche con un particolare che stacca
bellissima la sbarretta fatta a forma di volpe!
Buche decorative
questa non so perche ma ha un qualcosa di funebre!

questa ha doppia funzione buca e illuminazione, geniale!!!

Dovrei chiedere al postino di portarmi a fare un giro ... se esploro ancora sono sicura che ne trovero' di bellissime!!
 
 

4 commenti:

pinguino ha detto...

Ecco qualcosa degli USA che mi piace, le cassette della posta. Le uniche analoghe le ho viste in cascina da mia nonna, ma in italia sono delle specie di cassoni rossi vicino ai campi..probabilmente d'estate mia nonna ci trovava dentro anche qualche rana :D
Il camminare è una cosa che mancherebbe anche a me, già quando torno in italia in vacanza infatti cammino di meno dato che non avendo i collegamenti svizzeri per non perdere tempo uso molto di più la macchina, ed è un peccato. Tokyo mi ha colpito per i lavoratori e la metro, un ordine pazzesco! e la musichetta alle stazioni della JR ha colpito molto mio marito tanto che vorrebbe proporre alle ferrovie svizzere di mettere una musica analoga :-)

mocaliana ha detto...

Belline! Ma non tutte hanno la bacchetta laterale... e io che pensavo la sollevasse il postino per far capire che c'era posta dentro...

Drusilla Galelli ha detto...

Sono stupende!!!!
La mia preferita è quella di montagna!

Moky ha detto...

Sono bellissime, anch'io ho delle foto ricordo delle cassette postali viste in USA