domenica 8 giugno 2014

l'assemblea....

una delle tante cose che mi piacciono della scuola Americana è il momento di aggregazione dato dall'Assemblea.
quando vivevamo in India era una delle cose che mi avevavano colpite all'inizio, questi momenti settimanali o mensili di raduno di tutti gli allievi, durante i quali si canta, si riflette su qualche tematica, si premia qualche studente che ha fatto qualcosa di speciale. Nella nostra scuola Indiana l'assemblea era molto folcloristica ma assolutamente divertente.
assemblea di Middle School in India ( ancora in attesa della divisa per Federica )
Qui fino all'alto giorno non avevo avuto occasione di andare ad assistere all'Assembly della scuola di Camilla, sempre il primo venerdì del mese. Finalmente ce l'ho fatta. Sono arrivata a fine inno nazionale che tutti i ragazzi della Middle School cantavano in piedi con la mano sul cuore di fronte alla bandiera Americana....
purtroppo non ho potutto fare un filmino, ma come sempre in questi casi mi colpisce il trasporto partecipativo e il senso di appartenenza ad esso connesso.

l'altro giorno a scuola

A pochi giorni dalla coppa del mondo di calcio , penso a come per noi italiani sarà, come sempre, l'unico momento che ci fa sentire parte di una nazione: noi siamo italiani ogni 4 anni e strimpelliamo quelle prime quattro parole del nostro inno, ignari di tutto il resto. Qui invece anche mia figlia, italiana, nata in Francia e al suo 4 paese di residenza, canta con trasporto e conosce l'inno senza perdersi una sola parola (per ridere le ho fatto un test con fratelli d'Italia... l'imbarazzo è stato mio, proprio come me canta l'inizio  e poi il resto è buio totale
Comunque tornando all'Assemblea, dopo l'inno cantato a gran voce, un simpatico signore ha raccontato ai ragazzi la sua vita di appassionato di montagna, con immagini stupende della sua scalata dell'Everest.... una platea attenta di adolescenti ha ascoltato in silenzio... ogni volta che c'era un po' di rumore, bastava agli insegnanti mettere le dita a V e tornava la calma .
Il dialogo poi tra oratore e ragazzi é stato piacevole, tante domande e di ritorno interessanti risposte.
L'assemblea si e conclusa con la premiazione dei ragazzi che avevano ottenuto punteggi altissimi nei test nazionali di matematica, piazzandosi tra i migliori studenti Americani.
Le riflessioni sono tante. Sono belli questi momenti di aggregazione che portano allievi e insegnanti a vivere cose che vanno al di fuori dei programmi scolastici. Sono momenti di riflessione e di incontro utili anche a creare quello spirito di appartenenza ad una scuola, di cui ho già parlato, elementoimportantissimo qui negli States. E' bello vedere come un Paese costruisca i suoi cittadini anche attraverso questi momenti, come sempre intorno ad una bandiera. Ed è anche bello che i genitori possano essere presenti per condividere questo momento di vita scolastica con  i propri figli.
Il senso di appartenenza lo si costruisce pian piano e dai primi anni di scuola, cosi un Paese diventa compatto e capace di credere in ideali comuni... forse sarebbe utile anche in Italia, partendo dalle scuole, creare momenti di aggregazione tra i bambini e i ragazzi, partendo da un sentimento comune che ci faccia essere fieri di essere italiani. cantando l'inno a gran voce una volta al mese, anzichè ridurci a farlo in modo stentato una volta ogni 4 anni grazie al calcio!

PS quando le mie figlie erano al Liceo internazionale di Saint Germain en Laye, per i 150 anni dell'unità d'Italia, la sezione Italiana aveva organizzato una bella festa e i ragazzini avevano per l'occasione imparato l'Inno di Mameli , non ho un filmino purtoppo ma la foto di per se indica il trasporto e l'impegno...
la prima e Chiara



Nessun commento: