venerdì 15 febbraio 2013

chicche di vita americana...

Oggi splendida , splendente giornata quasi estiva, sole brillante cielo azzurro, 76F.... condizione ideale per un tuffo in piscina....
devo dire che ci vado anche in condizioni meno ottimali, ci vado regolarmente tre volte alla settimana, da sola o in compagnia, con entusiasmo e per ricaricarmi....
e poi mentre nuoto nella mia bella piscina avvolta nel verde di un bel parco nel centro di Palo Alto osservo chi mi sta intorno, guardo gli avventori che come me all'ora di pranzo fanno sport e si rilassano.... adesso ce ne sono anche che prendono il sole (grande California)
allora nell'ordine oggi :
  • una signora ben oltre i 60 esce dall'acqua si avvolge nel suo accappatoio, di quelli belli grossi spugnosi, infila le ciabatte.... e si avvia verso casa.... SI SI esce dalla piscine e si avvia a casa, a piedi, in macchina in bici.... in costume, ciabatte e accappatoio...( siamo in una stupenda zona residenziale)
  • poco dopo un'altra signora anche lei non giovanissima si avvia all'uscita avvolta nell'accappatoio ma con in piu il bonus dell'asciugamano a turbante sulla testa... anche lei va a casa....mah...
  • una terza signora esce dall'acqua, niente accappatoio si infila direttamente addosso un tutone di pile e condisce il tutto con un bel cappello di lana sulla testa (in barba ai 24 gradi).... se ne va anche lei...

non mi sono piu soffermata sul signore che si e' tuffato nell'acqua in pantaloncino rosa e maglietta abbinata.... probabilmente lui non ha avuto bisogno poi ne' di accappatoio ne' di tuta, tutto vestito e gocciolante si sara' avviato verso casa....

ho ripreso a nuotare pensando a come in questo noi italiani siamo ancora tanto ma tanto diversi, noi che non usciamo mai , o poco , con un capello fuori posto, noi che ci vestiamo ancora "eleganti" per uscire di casa e andare a mangiare fuori, noi che amiamo la moda e ci facciamo spesso un po' guidare da essa...
noi che mettiamo ancora la giacca e la cravatta per andare in ufficio e abbiniamo il maglioncino scollato a V ai pantaloni  e la cintura alle scarpe.... noi che cerchiamo sempre di essere presentabili anche quando andiamo solo a tre metri a comprare il latte
noi che mettiamo il tutone solo (o forse neanche nell''intimita' di casa nostra) e non andremmo mai al supermercato cosi...(io non ci andrei neanche dal bagno a camera mia)


diciamo che forse lo spezzato sdrammatizza anche nel pigiama....

e forse non compreremmo neanche le caramelle alle tre del pomeriggio in abito lungo con gonna luccicante...


donna sullo sfondo... (mi sento molto paparazzo)
 
 

Vivere all'estero ti cambia per tantissimi aspetti non so se nel bene o nel male, ma indubbiamente il confronto con culture diverse ti rende poi un po' atipico di fronte ai tuoi connazionali.... ma ci sono sempre dei ma....il giorno in cui mi saro' integrate dal punto di vista vestimentario sara' il momento di ripartire da qui.... c'e' un limite a tutto!!

1 commento:

Donna con Fuso ha detto...

Io prima o poi esco in pigiama! Senza nasconderlo sotto il cappotto e gli ugg, intendo :)

ps: per la serie meglio tardi che mai: ho aggiornato la lista!