domenica 19 luglio 2009

pic-nic tra gli scatoloni



ultimo pranzo a casa tra gli scatoloni, un gioco divertente per le nostre ragazze



ma certo con un po' di nostalgia e un pizzico di tristezza


un ultimo sguardo al nostro salone ...
Posted by Picasa

l'indo-inglese


non avevamo una dining room ma una dinning room.... sara' che viste le dimensioni raddoppiando la N si sottolineaval'ampiezza della nostra sala da pranzo? Ma....
l'inglese dall'India in una delle sue molteplici interpretazioni....
Posted by Picasa

sabato 18 luglio 2009

bambini e traslochi...

dov'e' Camilla? pronta per il container!


beate loro.... le bambine trovano occasioni di goco anche tra gli scatoloni del trasloco!

Posted by Picasa

Una casa inscatolata...


così finisce l'avventura indiana de icerrutiinindia dentro scatole di cartone e con tanti strati di carta per proteggere il tutto...


eccoci di nuovo pronti a mettere la nostra casa dentro un container e ad attraversare un oceano.... direzione Le Havre, la Francia per la nostra nuova avventura in territorio francese, meno esotico e a noi ben noto!


tra le 6 e le 8 settimane da Chennai a Le Havre, 6 settimane se il container da Chennai va a Colombo, Sri Lanka e poi di qui in Francia, 8 se deve andare a Singapore per essere imbarcato sulla nave per l'Europa. Il problema è che a Chennai c'è troppo poco fondo perchè le grandi navi possano attraccare, quindi il viaggio per i nostri mobili, i nostri giocattoli e tutto il nostro mondo diventa molto ma molto più lungo!

come sempre è doloroso chiudere una parentesi di vita e vedere che nel giro di tre giorni il piccolo mondo sicuro che ci siamo ricostruiti non c'è' più!
Posted by Picasa

venerdì 17 luglio 2009

600041 Chennai


plot 11, 7th Street, Injambakkam 600041 Chenna, Tamil Nadu , India

un'anno fantastico, ricco di scoperte, di avventure, di incontri



nel nostro cuore e nei nostri ricordi per sempre...
Posted by Picasa

Vita a Chennai

Federica sognante...
Ultimi momenti di vita a Chennai, pausa pranzo da Anokhi, un simpatico eco caffè dove si può mangiare un piatto in un ambiente carino

e dopo pranzo una scappata nel bel negozio di oggetti e vestiti.... ci mancherà


Camilla seria è malaticcia, ovviamente come ogni vigilia di trasloco.....



Federica e Chiara in piacevole conversazione... cosa si racconteranno, forse la tristezza di lasciare Chennai, forse qualche progetto per la nostra nuova vita parigina, o forse delle idee per le nostre vacanze australiane, ma?
Posted by Picasa

Paese che vai....

Da noi il giorno del matrimonio gli sposi si scambiano la fede e se la mettono al dito reciprocamente, in segno di fedelta, amore, rispetto...
in India il giorno del matrimonio l'uomo mette al dito della donna un anello, anzi due.... uno per piede



e questo anello indica che una donna è sposata (uno dei tanti indicatori che abbiamo di fronte a noi una donna sposata e non una ragazzina, come il bindi, il puntino tradizionale che si mette in fronte e l'anello al naso)
La scelta del dito non è casuale, si pensa infatti nella tradizione hindu che dei nervi siano collegati direttamente dall'illice all'utero e l'anello aiuterebbe la fertilità femminile ... provare per credere!
Ovviamente quest'uso a me è piaciuto un sacco e di anellini me ne sono comprati di tutti i colori e le forme... certo con le calze forse l'effetto non sarà lo stesso!!!!
Posted by Picasa

domenica 12 luglio 2009

cotton street: la follia delle stoffe

Prima di arrivare in India un’amica indiana incontrata in Giappone mi aveva detto che avrei trovato delle stoffe stupende in quel di Chennai, e non posso che confermare, anzi le stoffe sono così belle che mi e venuta voglia di mettermi a cucire !! (per fare concorrenza a Chiara mi sono comprata una bella macchina da cucira)
Di negozi di stoffe ce ne sono tanti, ma c’è una zona che mi ha colpita in particolare: Cotton Street, un mercato di tessuti all’aria aperta, ci si trova di tutto , dei tessuti a motivi indiani incredibili, delle sete splendide, metri e metri di colori, cotone, lino, georgette….. da far girare la testa


una via di bancarelle e qualche negozietto pieno di stoffe dal pavimento al soffitto


sotto il sole cocente bisogna avere il tempo e la pazienza di cercare, toccare e soprattutto contrattare sui prezzi, e si perchè la contrattazione fa parte del gioco e a volte può essere estenuante, devo dire che l'allenamento serve, le prime volte contrattavo poco , adesso mi diverte un sacco e quasi sempre riesco ad ottennere il prezzo che voglio io!


venerdì 10 luglio 2009

CINEMA

le ragazze con Elise, Clement et Samuel


uscita cinema a vedere il film BOLT in tre dimensioni: fantastico!


la multi sala Sathyama è una delle sale cinematografiche più moderne che io abbia mai visto.
Il confort è incredibile, mai visti dei sedili così comodi, se il film è noioso indubbiamente possono rendere piu piacevole una bella dormita.
Comunque il nostro film era molto carino.
Devo dire che ci avevano detto di andare assolutamente al cinema perchè in India gli indiani stessi che frequentano le sale cinematografiche sono da vedere, urlano, incitano come se fosse uno spettacolo dal vero…in realtà le volte in cui sono andata al cinema non mi sono accorta di una grande differenza con i frequentatori delle nostre sale !

Federica, Emily e Clement
invece i piccoli europei si sono fatti notare con i loro occhialoni

Lucy, Chiara e Camilla
Posted by Picasa

I LOVE INDIA



il pensiero di oggi!
Posted by Picasa

martedì 7 luglio 2009

una giornata a Queens Land Park


Sempre della serie gli ultimi colpi prima della partenza eccoci partiti alla scoperta di un nuovo parco dei divertimenti e questa volta di assoluto standard europeo

Sabato a Queens Land sulla strada tra Chennai e Bangalore a circa un’ora e mezza di macchina da casa, insieme a Clement e Aurelie amici delle bambine, con 40 gradi, ma ormai siamo abituati o quasi, ci siamo divertiti un sacco e questa volta, rispetto al VGP della settimana precedente, non era necessario concentrarsi troppo su viti e bulloni, almeno il tutto aveva l’aria più sana e più solida



foto di gruppo



mamma con bambine


questo è il braccialetto che si riceve all'ingresso e ti viene messo al polso, rosso per gli adulti e verde per i bambini (i bambini sono sotto il metro e 35... grandi lacrime di Chara che ha dimenticato di mettersi un po' sulle punte ed è quindi stata considerata bambina)
con il braccialetto si accede alle diverse attrazioni ed ogni volta viene sbarrato ilnumero dell'attrazione fatta. Ci sono delle giostre solo per adulti e altresolo per bambini e poi tutta una serie da fare in famiglia, come la divertentissima discesa sull', alla fine eravamo fradici, ma vi assicuro io fosse stato possibile avrei rifatto un giro!acqua dell'Himalaya falls
Posted by Picasa

queens land


trampolino per Camilla


con istruzioni anche in italiano!



Federica ha insistito per fare il battello pirata... beh all'inizio rideva ancora


poi ha avuto paura, la sua amica Aurelie ha anche pianto...
Posted by Picasa

queens land


Federica e Clement pronti per la partenza... questo faceva veramente un po' paura... nel senso avevi l'impressione che si staccasse di colpo


pausa pic nic per un pieno di energie prima di rituffarci nei giochi



di corsa per non perdere il giro



ragazze volanti!
Posted by Picasa