venerdì 30 gennaio 2009

Un po’ di cultura con una piccola gita a Mahabalipuram





Uno dei posti piu visitati del sud dell’India, un villaggio ricco di monumenti straordinari lungo una meravigliosa spiaggia …. A 50 km da Chennai e a poco piu di una trentina da casa nostra, ne abbiamo fatto un posto in cui rifugiarci la sera in simpatici ristorantini, lontano dalla calca (aragosta buonissima !) e dal traffico di Chennai, e anche la metà di simpatiche passeggiate, e si perche’ qui si può passeggiare veramente e non si vede solo la citta’ scorrere attraverso il finestrino !!!



Si può passeggiare e scoprire mille angoli nascosti, ci si può fermare nei negozietti per strada e farsi assalire dai venditori di souvenir…. Si può arrivare alla spiaggia e lasciarsi andare a contemplare lontano le barche dei pescatori
E poi per gli appassionati di scultura su pietra questo è il posto ideale per portarsi a casa una bella statua di divinità hindu a grandezza naturale …. Io mi sono limitata al pestello, ma chissà con il tempo, tra una scappata e l’altra magari mi porto via qualcosa di più grosso !







Maha, grande, Bali, sacrificio, e Puram , villaggio : il villaggio del grande sacrificio
I Re Pallava veneravano la dea Durga e in suo nome compivano numerosi sacrifici di animali.



Nel VI-VII secolo d.C. i Re di questa dinastia fecero costruire diversi templi e vi fecero lavorare gli artisti più importanti e il risultato è notevole. Oggi i templi rimasti sono di una bellezza straordinaria con delle decorazioni da togliere il fiato .
Posted by Picasa
Scatti qua e là passeggiando..... dopo il pieno di cultura









































fino alla spiaggia.....
















......mentre le mucche aspettano!

Posted by Picasa

martedì 27 gennaio 2009


I Kolam







Il Kolam è il disegno fatto di fronte alla porta di casa con la polvere di riso dalle donne indiane nel sud dell’India come simbolo di benvenuto. All’alba un disegno nuovo si sostituisce al vecchio portato via dal vento e dalle eventuali piogge, il suolo viene pulito con l’acqua in modo da essere purificato per accogliere un nuovo disegno.

Regolarmente davanti alla porta di casa nostra abbiamo il nostro kolam colorato o in bianco e nero…. Non lo faccio io, ci vogliono anni per imparare la tecnica, e non o facciamo neppure all’alba, ma insomma svolge comunque bene la sua funzione e soprattutto siamo affascinati quando la nostra Rajii ce ne fa uno !
Sono andata a vedere una specie di gara di kolam in cui moltissime donne nella bella e folkloristica zona intorno al tempio di Kapaleeswarar (il più grande di Chennai) hanno dato vita a deliziosi disegni in bianco e nero dagli svariati motivi





donne in gara




... con il sacchetto di polvere di riso in mano


Posted by Picasa
Risultato finale


Posted by Picasa