domenica 21 dicembre 2008

PAUSA AL FREDDO!!!

Ci siamo presi una piccola pausa lontano dal sole, dal caldo e dal caos indiano per tuffarci nel freddo e nella neve delle Alpi italiane, via i costumi e spazio alle tute da sci per due settimane di vacanza rinfrescante e per riprenderci un po' dalle ultime settimane indiane ricchissime in avvenimenti di ogni tipo: pioggia, vento, terrorismo, mal di pancia, pidocchi, computer rotto ... insomma abbiamo avuto di tutto... ma siamo sempre molto contenti!!!

BUON NATALE E UN FELICISSIMO 2009
dai cerrutiinindia

mercoledì 3 dicembre 2008


Immagini di una citta' sott'acqua....




dal finestrino della macchina


aspettando di attraversare




guardate il signore con l'acqua fino alla vita




telefonando.....

Posted by Picasa

venerdì 28 novembre 2008

Immagini di una citta' allagata......



continua a piovere fuori e dentro casa, l'elettricità va e viene e noi siamo fortunati perche con il nostro generatore possiamo comunque avere la luce quando vogliamo, c'è chi da 3 giorni non ha luce elettrica in casa, ma almeno tra i nosytri amici tutti hanno ancora il sorriso assaporando dei romantici tête a tête a lume di candela! E poi c’è chi sta peggio, in centro citta ci sono delle aree con piu di un metro di acqua, tutto èè impraticabile, le auto navigano come barche, nelle pozzanghere profonde come laghetti si formano delle onde….Questa notte abbiamo avuto la nostra dose di acqua in casa, alle tre del mattino sollevavamo il televisore, spostavamo il tappeto e mettevamo in salvo i quadri che per il momento sono ancora appoggiati per terra… questo week-end li appenderemo al muro cosi almeno saranno al riparo per la prossima volta !!









sulla strada di casa questa mattina


































dalla mia amica Marie
Posted by Picasa

giovedì 27 novembre 2008

Momenti di vita a Chennai sotto la pioggia e aspettando il Natale

















In casa non perdiamo il buon umore, Camilla ha un anticipo di babbo Natale con Ramesh, l’autista, e poi si riposa con una coccola con Raji, che aspetta che piova un po’ meno per avviarsi verso la sua casa allagata….





Posted by Picasa

Proteggersi dalla pioggia





Il guardiamo intanto l’ha risolta con un bel sacco di plastica sulla testa, magari lanciamo una nuova moda !
Posted by Picasa
Giorni di tempesta a Chennai
immagini di pioggia fuori casa.... per la pioggia dentro vi risparmio



Da una settimana piove a dirotto e le piogge si sono intensificate nelle ultime 48 ore….viviamo circondati dall’acqua con il vento che soffia, la circolazione in città è complicata e le scuole sono chiuse. C’è gente che ha l’acqua in casa fino al ginocchio e chi anche tra gli stranieri è dovuto migrare in albergo nell’attesa che il sole ritorni a
scaldare il tutto.
Da noi in casa piove più o meno da ogni finestra, piccole pozzanghere si formano qua e la, un po’ rido perchè mi dico che per una casa finita a luglio non è male, un po’ mi fa rabbia perche’ tutto è umido è ho l’impressione di essere in barca.






nel giardino di casa
alberi coricati dal vento














immagini della spiaggia dalla terrazza della mia amica Marie










Posted by Picasa

sabato 22 novembre 2008

Alla scoperta dell'arte del ricamo nel quadro splendido di una vecchia casa indiana






Qualche giorno fa' sono andata a visitare un atelier di ricamo, e chiamarlo atelier non rende indubbiamente l’idea.
Un’azienda francese mondialmente conosciuta che lavora per i grandi nomi della moda internazionale e per i piu grandi architetti del momento, ha la sua base a Chennai dove tanti abili ricamatori fanno delle prodezze e producono con ago e filo delle vere e proprie opere d’arte.

Abbiamo visto dei telai con abbozzati degli inizi di ricami per degli abiti , dei lussuosissimi disegni con fili d’oro e d’argento e pietre preziose ; ci siamo estasiati di fronte alle tappezzerie incredibili che orneranno le case di miliardari in giro per il mondo o dei luoghi conosciuti come l’Opera di Montecarlo e abbiamo sorriso di fronte alle coperte ricamate apposta per il cinema privato di una ricchissima famiglia indiana ( ed io ho soprattutto pensato che due giorni prima al cinema con i 15 gradi di aria condizionata una copertina mi avrebbe fatto comodo !)

Abbiamo visto una serie di sari ricamati per un importante matrimonio : 15 in tutto , e mi sono detta che noi con il nostro unico abito da sposa siamo ben modesti, e tutti e 15 ricamati in modo sontuoso(a proposito del rito del matrimonio indiano st tra l’altro leggendo un libro dove sono ben descritti i 5 giorni di cerimonia, con le varie tappe, vestizioni e presentazionie di doni reciproche tra le due famiglie : Samina Ali Jour de pluie a Madras… non mi pare sia tradotto in italiano)


Posted by Picasa


un lavoro di una precisione infinita che incomincia alle 4 del mattino ed è ritmato dalle pause per il tè






Posted by Picasa
Alla scoperta dell'arte del ricamo nel quadro splendido di una vecchia casa indiana (segue 2)



uno scrorcio della casa







































ricamatori al lavoro per una futura tenda









silenzio e precisione nell'esecuzione

Posted by Picasa

lunedì 10 novembre 2008

giovedì 6 novembre 2008

Puja per il primo compleanno




il piccolo festeggiato



i sacerdoti



momenti del rito



Oggi siamo stati invitati ad assistere alla cerimonia religiosa organizzata dai nostri vicini per il primo compleanno del loro bambino.
Secondo i precetti della religione hindu in questa occasione durante una cerimonia religiosa dal rituale molto complesso si offrono a Dio i primi capelli del bambino tagliati per la prima volta proprio al momento del primo compleanno.
La puja (la cerimonia) organizzata per l’occasione era grandiosa con un altare di offerte di vario tipo, intorno al quale 4 sacerdoti ripetevano a turno dei cantici (mantra), accompagnati da una serie di gesti simbolici e estremamente coinvolgenti ai quali hanno preso parte per tutto il tempo della cerimonia anche i genitori del piccolo

Posted by Picasa

martedì 28 ottobre 2008

La festa di Diwali

Ieri era Diwali, una grande festa hindù, paragonabile un po’ al nostro Natale, è la festa della famiglia, in cui si sta insieme e ci si scambiano dei doni.
A Diwali si festeggia la vittoria del Dio Shiva sul diavolo, la supremazia della luce sull’oscurità, il trionfo del bene sul male.
In questa occasione le famiglie indiane si ritrovano per mangiare e si scambiano soprattutto doni rappresentati da vestiti nuovi e dolci di vario tipo, i giorni che precedono la festa son un po’ analoghi ai giorni che precedono il nostro Natale, i negozi , soprattutto di abbigliamento e di stoffe, sono pieni di gente, per la strada il traffico già incredibile diventa insopportabile e i controlli di polizia si intensificano, per evitare i furti e i borseggi delle specie di torrette d’osservazione sono poste qua e là nelle zone più commerciali e popolari, e in cima dei poliziotti osservano la folla pronti a beccare il primo malintenzionato all’azione.
Il bello però è il momento della festa, il bello sono i botti e i fuochi d’artificio che fanno impallidire il capodanno napoletano !!!
Prima di arrivare in India solo in Sardegna , in quel di Cardedu, avevamo visto fare i fuochi d’artificio alle 3 del pomeriggio sotto un sole luminoso, e qui ci siamo accorti che la trovata sarda del fuoco d’artificio in pieno giorno è costume usuale !


Comunque da buoni indiani anche noi ci siamo preparati ai festeggiamenti…. accidenti purtroppo in quell’occasione mi sono dimenticata la macchina fotografica… prima tappa il negozio dei fuochi d’artificio e cosette varie del genere Napoli il 31 dicembre sei una vera dilettante !!!
Allora sotto un tendone tipo circo erano allineati una serie di banconi con esposti ogni ben di Dio per i patiti del genere raudo &Co, una volta fatta la propria scelta si passava poi ad un bancone successivo , quello della registrazione dell’ordine, seguito dal pagamento e dalla consegna…. Non avevo mai visto in India un’ organizzazione tale.
Io nelle mie compere mi sono fatta accompagnare dal moi gentile autista e lui all’idea di far piacere alle sue care bambine si è lasciato prendere dall’entusiasmo e alla fine non bastava il bagagliaio della nostra macchina per stoccare il tutto !!!
La follia : dalle girandole luminose alle fontane, passando attraverso fuochi d’artificio di vari colori ….
Insomma per sparare il tutto ci abbiamo messo due serate, invitando degli amici in rinforzo e adeguandoci anche al costume sardo-indiano del fuoco d’artificio all’ora di pranzo…. Abbiamo quasi esaurito lo stock

L’esperienza è stata simpatica, ieri sera abbiamo festeggiato un po’ per strada con i nostri gentili vicini e sorseggiando una coppa di champagne (non tutti gli hindu non bevono, constato con piacere ) tra casa loro e casa nostra mi sono detta che abbiamo veramente fatto bene a scegliere questa nuova avventura con tutta la ricchezza che deriva dal vivere queste piccole cose che fanno parte di una tradizione cosi diversa dalla nostra!
Posted by Picasa
chiara serissima




Federica divertita

Paolo alle prese con le fontane luminose

Posted by Picasa